Promuovere un sitoGoogle aggiorna continuamente i programmi di ricerca online per assicurare di fornire agli utenti i risultati più rilevanti. Questi cambiamenti di solito significano nuove regole per identificare i risultati di ricerca principali. Così, se non sei entrato in questo gioco, il tuo sito potrebbe precipitare abbastanza velocemente nella pagina dei risultati. Questi sei sono gli errori più comuni che le persone commettono nel promuovere i loro siti e che tu devi evitare.

1. Testi di link ripetitivi

Di solito in molti articoli noterai un testo blu sottolineato e se lo clicchi, questo ti porterà su una nuova pagina. Questo testo è chiamato link. Per massimizzare la probabilità che il lettore clicchi sul link verso la pagina di arrivo, molte pagine web abusano di questi. I nuovi algoritmi di ricerca riconoscono questo come un segnale di contenuti poveri e lo penalizzano tramite un punteggio basso sulle pagine di ricerca.

Assicurati di avere un buona diversità di link sulle tue pagine web. In alternativa, aggiungi l’indirizzo URL al tuo sito e evita completamente i testi link. 

2. Link ai profili dei forum

I link ai profili dei forum sono probabilmente quelli più comuni e facili da creare. Comunque, per il loro uso inflazionato, Google li riconosce come link di bassa qualità e assegna loro un punteggio basso. Non volendo eliminarli completamente, assicurati di mantenerli al minimo.

3. Scarsità di link collegati al tuo settore

Gli algoritmi precedenti dei motori di ricerca si focalizzavano solo sul numero di link del tuo sito; oggi gli algoritmi intelligenti dei motori di ricerca sono capaci di isolare il settore e valutare il sito basandosi su collegamenti ipertestuali del tuo settore. Quindi se il tuo sito ha molti link ma pochi collegati al tuo settore, questo potrebbe incidere sul tuo punteggio.

Un grande modo per migliorare il numero di link collegati nel tuo sito è usare i blog Ospiti (Guest blogging).

Il blogging Ospite è una tecnica per cui puoi contribuire con del contenuto su un altro sito e lasciare un link al tuo sito alla fine dell’articolo. Quando i lettori di quel sito leggono il tuo contenuto, possono cliccare sul link per leggere un numero maggiore di informazioni collegate. Trovando il sito giusto e posizionando correttamente il collegamento, puoi dirottare una grande quantità di traffico verso il tuo sito.

4. Troppi link per un contenuto scarso

Pochi link di qualità ben posizionati sono molto meglio di molti link su siti poveri. Questa è una semplice regola che molte persone dimenticano e a volte evitano, a causa dello sforzo che servirebbe per costruirli.

5. Mancanza di social networking

I social network oggi sono così diffusi che non sfruttarli è una grande perdita. Il tuo bisogno di link collegati ai social network potrebbe non essere chiaro. Ma se ci sono social link e non hai ancora bussato alla loro porta, stai perdendo traffico di qualità.

6. Strati di collegamenti

Hai sempre bisogno di creare collegamenti diretti al tuo sito. A volte gli strati di collegamenti funzionano meglio nel guidare il traffico web. In questa tecnica, crea dei collegamenti alle pagine che portano alla tua pagina di arrivo. Questo non solo protegge la tua pagina principale, ma la migliora tramite referenze indirette.

Non farti scappare questa strategia.

Avendo letto questo articolo, qui trovi cibo per i tuoi pensieri. Possiedi una buona visibilità sui social network nel tuo settore?

Blog-Art:Firma

Ricevi gratuitamente la guida:
"7 Passi per Acquisire Nuovi Clienti con un Blog"


 Inserisci il tuo nome e la tua email qui sotto per ricevere la guida gratuita con aggiornamenti settimanali
"Blog-Tips: L'arte di Acquisire Nuovi Clienti via Web".

Nome: 

Email:  

La nostra polizza sulla privacy protegge la tua email al 100%.

7 Passi per Acquisire Nuovi Clienti con un Blog - Guida Gratuita



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Se scegli questa opzione puoi mostrare nel commento il tuo articolo recente



Ultimo video su Youtube
7 errori da evitare nel creare la tua brochure aziendale


Iscriviti al mio canale
Seguimi su Google +